che sia

utileblog

"Avere qualcosa di importante da dire e che sia utile a tutti o a molti. 

Sapere a chi si scrive. Raccogliere tutto quello che serve. Trovare una logica su cui ordinarlo. Eliminare ogni parola che non serve. Non porsi limiti di tempo"

don lorenzo milani

La pioggia d'agosto

[...] ulula il vento,

cade l’acquata a rade goccie, poscia

più precipite giù crepita scroscia

a fili interminabili d’argento....

Guardo la Terra abbeverata e sento

ad ora ad ora un fremito d’angoscia....

(G. Gozzano)


Sono uscito a fare due passi con mio figlio. Volevo raggiungere la "cappelletta dei boschi", altrimenti detta "cappelletta del Foppone", una piccola costruzione al confine tra Desio e Bovisio Masciago, secondo le testimonianze collegata all'esistenza di un lazzeretto per la pestilenza del 1630. Quella dei Promessi Sposi, per intenderci. Lo so, gira e rigira io sono sempre sulle tracce del mio Manzoni.

Tale cappelletta è collocata all'estremità opposta della mia città, e ammetto che incamminarsi con l'allerta arancione voleva dire sapere in anticipo di andare incontro a scrosci improvvisi.


Lo sai e ti premunisci. K-way, coprizaino e ombrellino (sui sentieri di montagna fa metrosexual, ma fai trekking urbano dai, lo puoi portare!). Ma quella che è venuta giù era una pioggia inesorabile. Di quelle che trovano la strada per infilartisi nel collo e nella schiena, tra lo zaino e la mantellina, e poi ti colano esattamente là lungo il portacoda, che se c'è un posto dove dà fastidio essere bagnati è esattamente lì!

Ad un certo punto, esauriti gli improperi contro gli automobilisti che le pozzanghere le miravano, accelerando addirittura, e contro il dissennato governo del territorio che ha cementificato e lastricato ovunque, impedendo alla terra di accogliere l'acqua, che dunque si incanala per le strade, perché altro non può fare, ci siamo rassegnati alla gioia.

La pioggia d'estate è calda, come sai eppure non ti ricordi. L'asfalto caldissimo fulminato dal sole fa il resto, e "pucciare i piedi" nelle pozzanghere non dico che sia come le terme di Bormio o l'Adriatico al pomeriggio, ma quasi.

E mentre prendevamo a calci l'acqua, spruzzandoci a vicenda come due ragazzi, pur divisi da una svariata quantità di anni, bagnando anche l'ultimo lembo di pelle che ancora resisteva asciutto, non c'era virus che potesse essere più contagioso della pioggia d'agosto.



30 visualizzazioni

contatti

Presentazioni libri

Conferenze e laboratori di scrittura

Workshop con gli studenti

Corsi di formazione

  • LinkedIn - Bianco Circle
  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon
  • LinkedIn - Bianco Circle
  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White YouTube Icon
  • White Instagram Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now